giovedì 21 luglio 2011

Gli alpini nel cantiere Tav e il Giuramento militare

Gli alpini della Taurinense sono da ieri nel cantiere della Torino-Lione di Chiomonte e ora una grande bandiera tricolore sventola sul pennone. L’intera area del cantiere diventerà un presidio militare di interesse strategico nazionale.

In Italia la formula del giuramento è prevista attualmente all'art. 2 della Legge 11 luglio 1978, nr.382 «Norme di Principio sulla Disciplina Militare»; la formula, unica per tutti i cittadini italiani che rivestono lo status di militare, recita: «Giuro di essere fedele alla Repubblica italiana, di osservarne la Costituzione e le leggi e di adempiere con disciplina ed onore tutti i doveri del mio stato per la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni»

Beh, per quanto mi riguarda in un caso come questo della TAV consideratemi pure un disertore, io su civili inermi per di più miei connazionali non alzerò nemmeno un dito.

Il signoraggio nella teoria economica

"Se gli Americani consentiranno mai a banche private di emettere il proprio denaro, prima con l'inflazione e poi con la deflazione le banche, e le grandi imprese che ne cresceranno attorno, priveranno la gente delle loro proprietà finché i loro figli si sveglieranno senza tetto nel continente conquistato dai loro padri." -- Thomas Jefferson, 3rd President of the United States

P.S. In macroeconomia per signoraggio si intendono i redditi che un governo ottiene grazie alla possibilità di creare base monetaria in condizioni di monopolio. Negli stati moderni, solitamente, la banca centrale stampa le banconote mentre il governo (ad esempio tramite una zecca) conia le monete metalliche, ed entrambi hanno un reddito da signoraggio.

mercoledì 20 luglio 2011

Libri - Quello che mi spetta

Meravigliosamente angosciante questo bestseller della scrittrice iraniana Parinoush Saniee, traccia un profilo della condizione femminile in Iran e al tempo stesso ripercorre la storia di questo meraviglioso Paese. Secondo me il più ricco - sotto ogni profilo - di tutto il medio oriente.
Oggetto di controversie e di un temporaneo bando da parte delle autorità iraniane, il libro è stato difeso dal premio nobel Shirin Ebadi.