mercoledì 1 giugno 2011

Geiko (稽古)

I primi giorni di pratica (Geiko 稽古), quando si inizia una disciplina marziale, si fanno grandi sforzi perchè si è nuovi, ma è inutile affaticarsi eccessivamente. Che ci si affanni o meno, un giorno è un giorno, un anno è un anno. Volenti o nolenti le capacità si svilupperanno solo col tempo e la pratica costante. La cosa migliore da fare è prendersi il proprio tempo senza diventare matti ma senza perdere mai di vista la Via (Dō - 道).

martedì 31 maggio 2011

Tutto cambia affinché nulla cambi

"Tutto cambia affinché nulla cambi", questo è il senso del lungo discorso che Don Fabrizio, il principe di Salina, fa al cavaliere Chevalley sceso in Sicilia per cercare la classe dirigente del nuovo Regno d'Italia, tratto dal romanzo Il Gattopardo.
E adesso voglio proprio vedere cosa faranno di concreto i nuovi eletti Pisapia a Milano e De Magistris a Napoli, ma soprattutto cosa faranno di diverso - e di migliore per i loro concittadini - dai loro predecessori.
La speranza è sempre l'ultima a morire, si sa.
P.S. su Fassino a Torino non ho aspettative, so già che sarà tutto come prima, TAV inclusa.

lunedì 30 maggio 2011

Nucleare in Francia, subappalti e sicurezza

"Desidero segnalare questo video trasmesso dal programma Falò della TV svizzera italiana nel Marzo 2011. Basterebbe questo video per dimostrare la follia del nucleare: il subappalto dei lavori di manutenzione nelle centrali nucleari francesi. Ve lo immaginate cosa succederebbe in Italia con 'la cricca'? Per chi non volesse visionarlo tutto lo faccia partire a poco più della metà...".

domenica 29 maggio 2011

Libri - La centrale

In biblioteca, tra le novità, mi sono imbattuto in questo libro. Vista la mia nota sensibilità verso l'argomento l'ho subito preso. Devo dire che il romanzo “La centrale” di Elisabeth Filhol è stata una vera rivelazione. Diretto, immediato, realistico ed inquietante. Racconta con dovizia di particolari la quotidianità di uno dei tanti operai a contatto delle centrali nucleari francesi, il suo rapporto con un lavoro ad altissimo rischio e le ragioni che lo hanno condotto a scegliere questo tipo di lavoro. Avevo già visto un documentario sulla TV della Svizzera italiana che parlava del problema dei subappalti dei lavori di manutenzione delle centrali francesi (e che sarà oggetto del prossimo post), ma questo romanzo rende l'idea in modo veramente drammatico.